Breve Storia dei Rosa+Croce dal 1400
al 1600 narrata da fra’Tommasino

Eric Satie

A Parigi visse ed operò chi assunse, dopo una vacatio di quindici anni da Hugo, la reggenza della fratellanza. Alfred-Eric Leslie Satie, musicista misterioso ed intimista, nacque il 17 maggio 1866 a Honfleur (Calvados) da padre normanno e madre scozzese e morì il 17 Luglio 1925 a Parigi, all’ospedale di Saint Joseph. La sua prima opera fu “Valse Ballet”, poi nel 1888, compose tre “Gymnopedies”, ispirate ad antiche cerimonie greche animate da adolescenti nudi danzanti. L’anno successivo, ispirato da musiche popolari rumene e indonesiane eseguite all’Esposizione Universale di Parigi, compose le “Gnossiennes”. Successivamente compose “Tres Preludes du Fils des Etoiles”, “Le Sonneries de la Rose-Croix”, e “Le danses Gothiques”. Entrato nelle Rosa+Croce Cristiana del pittore Sār Peladan, convinto che potesse essere funzionale a riprendere la visibilità della fratellanza, non esitò a distaccarsene per evitare di essere commisto e confuso in ciò che era divenuto un calderone esoterico che nulla aveva più a che vedere con i veri Rosa+Croce Nel 1895 compose “Vexations”, un motivo di otto misure da suonare ottocentoquaranta volte di seguito per una durata complessiva di circa diciotto ore, il codice segreto, nascosto ed inespugnabile della confraternita. Nel 1910 Satie raggiunse l’apice della fama: alla sua musica ed a lui si avvicinarono ammirati Diaghilev, Ricasso, Picabia, Ravel, Stravinsky, ed infine di Coucteau con il quale, insieme a Ricasso formò il Gruppo dei Sei, la fucina della cultura del ventesimo secolo.

Questa autentica consacrazione sfociò nella creazione geniale di due balletti, tra cui “Parade” con testi di Jean Coucteau e scene disegnate da Picasso. Nelle musiche Satie introdusse, per la prima volta in Europa, il rag-time e, d’accordo con gli altri due geniali autori, i rumori delle macchine da scrivere e le sirene delle fabbriche, la colonna sonora della Rivoluzione Industriale. Nel grande clamore di questo evento Apollinaire, entusiasta, coniò per il movimento culturale nel quale si riconosceva la denominazione Surrealismo. Ciò condusse Satie alla creazione della musica per un secondo balletto, con testi e scene di Picabia ed un intermezzo cinematografico della nuova stella entrata nel movimento, Renè Clair. Il testamento sprirituale fu l’opera “Socrate” una cantata per quattro soprani e orchestra da camera, in cui il cigno del nord, Satie intonò il suo ultimo canto ad un ascetico rigore formale.

Eric Satie in un disegno

Back